morata-citomegalovirus-alvaro

Cosa è ACCADUTO AD ALVARO MORATA?

Ciò che sta frenando Alvaro Morata in questo inizio di 2021 ha , come si suol dire, un nome e un cognome, ovverossia il Citomegalovirus. Vediamo nello specifico di cosa si tratta e quando il forte attaccante spagnolo potrà tornare a giocare come ha dimostrato di saper fare. 

Cosa è il Citomegalovirus?

Il Citomegalovirus (abbreviato in CMV) è un virus molto comune, facente parte della famiglia degli herpes virus, parente molto vicino al virus della Varicella, fuoco di Sant’Antonio e Herpes Simplex. Nelle persone in buona salute, risulta innocuo nella maggior parte dei casi, ma ovviamente può presentare delle eccezioni. Viceversa, può rappresentare un serio pericolo per gli individui immunodepressi e nelle gravidanze. E’ stimato che nei paesi occidentalizzati, circa il 60% delle persone lo abbia contratto almeno una volta nella vita.

Che Caratteristiche ha questo virus?

Il Citomegalovirus è un virus a DNA a doppio filamento; ovverossia è costituito da due catene (o filamenti) di nucleotidi, collegate tra di loro.
La forma del Citomegalovirus è pressochè sferica e misura all’circa 150-200 nanometri di diametro; proprio come il ben più famoso coronavirus.

Come Sta Alvaro Morata?

E’ lo stesso allenatore della Juventus, Andrea Pirlo, al termine della gara di Champions League con il Porto ad ammettere che Morata ha rischiato di svenire per un malessere misterioso che si porta dietro da tempo. Difatti, le prestazioni dell’attaccante juventino sono calate notevolmente in questo inizio di 2021, l’ultimo gol risale alla trasferta in Emilia a Parma, dove la  Juventus vinse 4-0 e Morata fu autore di 1 gol e 2 assist. Da quel momento in poi lo spagnolo non è più riuscito ad offrire prestazioni di livello.

Anche Fabio Paratici ha commentato così la situazione del suo giocatore: “Hanno inciso moltissimo due-tre piccoli inciampi: prima ha avuto una influenza molto forte e ora ha un disturbo intestinale. Questo gli ha impedito di allenarsi bene, ha un po’ perso la condizione”.

Cosa dicono i Dottori sul caso del giocatore spagnolo?

Gazzetta Active ha sentito il professor Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano, che abbiamo imparato a conoscere anche in relazione al Covid-19, nonchè direttore sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano:  “Si tratta di un virus frequente, che nella maggior parte dei casi nei soggetti immunocompetenti non dà sintomi e non si manifesta”
 
“Come in alcuni casi accade anche col Covid anche il citomegalovirus può non produrre alcun sintomo. Una volta contratto, il citomegalovirus resta solitamente latente all’interno dell’organismo e soltanto in caso di indebolimento del sistema immunitario può riattivarsi”.
 
“Sono molti gli adulti immunocompetenti positivi al virus ma che non presentano sintomi oppure presentano, come potrebbe essere il caso di Morata, sintomi più o meno variegati e non molto rilevanti.  In un caso come quello di Morata escluderei forme pesanti. Per quanto riguarda la durata, potrebbe essere di alcune settimane, proprio come la mononucleosi”.
 
Sarebbero, pertanto, questi piccoli malesseri a non permettere a Morata di allenarsi correttamente, rendendo difficile la ricerca della forma perfetta per questa seconda parte di stagione.
 
0 CommentsClose Comments

Leave a comment

Newsletter Subscribe

Get the Latest Posts & Articles in Your Email

We Promise Not to Send Spam:)